AS TEGNA VS FC CAMORINO (DOMENICA 4 NOVEMBRE 2007)

 

Risultato

Reti

Assist

Ammoniti

Espulsi

1-0

-

-

Dashi/ Häusermann

-


Situazione meteo
: Mattinata fresca e soleggiata.

 

La partita:

Partita povera di occasioni e priva di contenuti. L’inizio è piuttosto noioso e bisogna aspettare un bel po’ prima di arrivare al primo ed unico tiro nello specchio della porta da parte del Camorino, l’azione nasce sulla sinistra con Zingaro che in rovesciata lancia Dashi, il quale sempre dalla sinistra prova a tirare ma il pallone è indirizzato sul primo palo ed il portiere riesce così a deviare in angolo. La seconda emozione arriva dopo un po’ con un cross dalla destra dei padroni di casa, Di Carlo tenta di intervenire ma liscia il pallone che giunge ad un attaccante posizionato ad una decina di metri dalla porta con due avversari, il suo tiro è sporco ma in qualche modo filtra e clamorosamente finisce proprio sotto l’incrocio dei pali con Canalicchio che, coperto, non può far altro che guardare.

Ci prova ancora il Tegna con un lancio interessante a scavalcare la retroguardia ospite ed in particolar modo Bandir che in velocità si fa letteralmente doppiare dallo scatto dell’avversario, ma più veloce di lui è Canalicchio che, uscito molto al di fuori della propria area, riesce ad anticiparlo di piede spazzando ed evitandogli una discesa indisturbata verso la porta. Alla fine del primo tempo arriva la reazione del Camorino con un calcio d’angolo battuto dalla sinistra che viene deviato in mischia finendo di poco a lato per un nuovo tiro dalla bandierina stavolta dalla destra ma sempre pericoloso, ancora una deviazione di un difensore del Tegna, il pallone impatta il primo palo e finisce nuovamente in angolo.

Il secondo tempo offre davvero pochissimo, l’unico vero pericolo avviene quando Finelli al limite della propria area sbaglia il tempo dell’intervento facendosi scavalcare dal pallone, ma l’attaccante calcia a lato e l’occasione sfuma. Zingaro tenta ripetutamente la conclusione dalla distanza ma non centra mai la porta rendendosi realmente pericoloso solo con una punizione di poco alta. Per il resto non avviene nulla, il Tegna gestisce senza problemi fermando gli attaccanti ospiti con puntuali raddoppi. Male il Camorino che non riesce nemmeno ad imbastire un forcing finale.

Finisce 1-0, forse sarebbe stato più giusto un pareggio ma vista l’incapacità di reagire del Camorino, la sconfitta si può definire meritata.


I giocatori nel dettaglio:

 

Canalicchio:

Non ha colpe per la rete subita, per il resto ha poco lavoro, bravo in alcune uscite sia aree che di piede, meno nei rilanci.

 

Bandir:

Gioca solo una parte del primo tempo, poi viene sostituito. Ha perso quasi tutti i palloni giocati e in velocità andava col freno tirato. Dalla sua parte sono arrivati tutti gli affondi del primo tempo. L’infortunio l’ha indubbiamente condizionato, ma ha la colpa di non aver detto di non essere in condizione di giocare penalizzando tutta la squadra.

 

Branca:

Attento e tempestivo nelle chiusure, non si fa mai saltare, la sua è un’eccellente prova difensiva.

 

Di Carlo:

Fratello dell’allenatore e giocatore dei seniori, è venuto a dare una mano vista la situazione d’emergenza in difesa. Complessivamente se la cava egregiamente, bravo sia nei contrasti a terra sia in quelli aerei, ma il liscio sul cross che ha portato alla rete pesa tanto e vale la sconfitta.

 

Manfreda:

Nel suo passato ha già giocato terzino, ma a Camorino è una prima volta, ciononostante disputa un’ottima partita, sia in fase di possesso che in fase d’interdizione. Promosso.

 

Finelli:

Primo tempo come laterale di centrocampo fino a quando non è costretto ad indietreggiare sulla linea dei difensori per via del forfait di Bandir. Sorprendentemente se la cava bene in entrambe le posizione, spinge e copre in maniera pulita anche se sbaglia qualche passaggio di troppo e a volte la scelta di tempo non è delle migliori. Contrariamente alle sue abitudini gioca senza parlare troppo e forse la cosa ha avuto buoni effetti sulla qualità della sua gara.

 

Zingaro:

È troppo nervoso e si lamenta in continuazione con i compagni. Ha comunque il merito di provarci a più riprese con tiri dalla distanza, ma il demerito di non centrare mai la porta. Sbaglia inoltre tantissimi passaggi.

 

Torti:

Com’è solito fare, tenta di dare ordine alla manovra, ma la precisione scarseggia e con essa, inevitabilmente, anche i risultati.

 

Di Domenico:

Combattivo e costante ma anche impreciso e incapace di fare più di un controllo decente. I passaggi sono approssimativi e non troppo tempestivi. Insomma, buona la quantità, pessima la qualità.

 

Mastrillo:

I palloni giocabili sono pochi e gestiti non sempre bene. Incontra difficoltà contro difensori attendisti che raddoppiano sistematicamente, sovente riesce a tenere il pallone ma mai a superare l’uomo.

 

Dashi:

Per lui vale lo stesso discorso fatto per il compagno di reparto Mastrillo, peggio del compagno ha, però, l’atteggiamento aggressivo contro compagni ed arbitro che gli costa anche un’ammonizione per proteste.

 

Häusermann:

Entrato al posto dell’acciaccato Bandir, si posizione in fascia sinistra facendo indietreggiare Finelli. È preciso nei passaggi ma spesso perde l’attimo al momento di crossare. Nel finale è ammonito per un fallo a centrocampo.

 

Costa:

Gioca poco ma abbastanza bene, gestisce il pallone giocando in un ruolo non suo dopo aver sostituito Di Domenico sulla fascia destra.

 

Formazione iniziale:

 

 

Mastrillo               Dashi

 

 

Finelli                     Zingaro                 Torti       Di Domenico

 

 

Bandir                    Branca                   Di Carlo                 Manfreda

 

 

 

Canalicchio