FC CAMORINO VS FC MAKEDONIJA (SABATO 26 APRILE 2008)

 

Risultato

Reti

Assist

Ammoniti

Espulsi

2-0

G.Bernasconi/ Finelli

Nikolle Dashi

Oliver Torti

Jeton Dashi

Situazione meteo Serata serena e ventosa.


La partita:

L’incontro ha inizio con un equilibrio che viene spezzato da N.Dashi dopo una bella spizzicata in area di G.Bernasconi, la conclusione al volo dalla destra finisce però centrale ed il portiere riesce a respingere. La risposta ospite nasce da una punizione in attacco di Nicollaj che viene respinta dalla barriera, un attaccante raccoglie la sfera e percorre tutto il campo per vie centrali, vince un rimpallo con Bremen e poi scaglia un rasoterra dal limite dell’area sul secondo palo, ma il tiro non è troppo insidioso e Canalicchio può parare distendendosi sulla propria destra. L’ultima azione degna di nota della prima ripresa, è un tentativo dalla trequarti, il pallone a spiovere è controllato dal portiere di casa e finisce sulla parte superiore della traversa. Prima della pausa c’è ancora tempo per l’espulsione di un giocatore ospite per doppia ammonizione.

La prima manovra della ripresa è la seguente: calcio d’inizio, pallone indietro per Torti che svirgola un po’ il tentativo di apertura sulla sinistra per Costa, pallone che finisce centrale per la corta respinta di testa di un difensore, rimpallo a favore per N.Dashi e pallone che giunge a G.Bernasconi (probabilmente in fuorigioco), il quale in scivolata dal lato destro dell’area, conclude di prima intenzione sul secondo palo insaccando sotto l’incrocio con il portiere che resta a guardare.

La partita si fa nervosa, J.Dashi viene ammonito per la seconda volta per un fallo piuttosto veniale in attacco e ristabilisce la parità numerica, poi l’arbitro si fa sfuggire la partita di mano, non tira mai fuori il rosso nonostante molti interventi pericolosissimi. Canalicchio è chiamato ad un’uscita di piede fuori dall'area, per il resto poco altro fino all’azione solitaria di Finelli in fascia destra, superato un uomo, tenta un servizio rasoterra in area, ma il rimpallo lo favorisce e si ritrova davanti ad un incerto portiere che non sa se uscire oppure no e lo batte sul secondo palo. Successivamente ci sono tanti altri falli e poco calcio, l’unica azione degna di nota è un’iniziativa personale di un ospite che, ritrovatosi in area, finta il sinistro e si libera per calciare di destro, ma Canalicchio non si fa sorprendere parando e trattenendo il tiro rasoterra sul proprio palo.

La partita finisce con un bruttissimo fallo su Bremen, l’arbitro decide che è abbastanza e senza neppure prendere provvedimenti, manda tutti negli spogliatoi.

Una gara estremamente nervosa, se non cattiva, il Camorino ha avuto il merito di essere riuscito a tenere la calma nonostante i molti falli cattivi ricevuti, la squadra è però stata meno tranquilla in fase d’impostazione, soprattutto nel secondo tempo.


I giocatori nel dettaglio:

 

Canalicchio:

Fino al novantesimo fa praticamente solo l’ordinaria amministrazione, nel finale arriva il primo ed unico vero pericolo sul quale si difende senza grossi problemi.

 

Bremen:

Prende un’infinità di colpa, ma riesce sempre a rialzarsi, almeno fino alla fine, quando subisce un durissimo intervento che lo costringe a restare a terra per molti minuti, “fortuna” vuole che l’arbitro fischia la fine proprio in quel momento.

Grande merito alla sua caparbietà, gli avversari lo colpiscono in maniera dura dall’inizio alla fine, riceve calci in faccia quando è a terra e tanti interventi duri quando porta palla, ma anche quando non lo fa, lui riesce comunque a disputare un’eccellente partita proponendosi e difendendo con ordine e coraggio.

 

Murru:

Attento per tutta la partita, non commette mai errori, nella ripresa un suo perfetto intervento in scivolata stoppa una possibile volata a rete degli avversari.

 

Nicollaj:

Mostra un certo nervosismo nel momento in cui gli avversari commettono qualche brutto fallo, ma quando si gioca ha una calma olimpica e non sbaglia quasi niente. Ferma tutto ciò che gli passa davanti con una naturalezza che impressiona e sovrasta fisicamente ogni avversario che gli capita a tiro. Colossale!

 

G.Dashi:

Inizia a trovarsi nel nuovo ruolo e disputa una partita di grande livello sia in fase difensiva che in fase di spinta, nel finale cerca ancora di proporsi nonostante sia visibilmente a corto di ossigeno.

 

Costa:

All’inizio è un po’ assente, poi sale in cattedra e gestisce molto bene tutti i palloni dando anche una grossa mano in fase difensiva, il nervosismo della gara non sembra minimamente intaccare la quiete in cui pare essere immerso.

 

J.Dashi:

Non riesce ad entrare nel vivo del gioco anche a causa del fatto che spesso la squadra tende a cercare le fasce direttamente dalla difesa senza passare dalle sue parti, poi viene espulso per doppia ammonizione, il secondo giallo è forse eccessivamente generoso, fatto sta che lascia la squadra in dieci.

 

Torti:

Nonostante sia solitamente un giocatore che si controlla, alla lunga finisce col perdere un po’ la calma dopo l’ennesimo fallo subito. Riesce comunque a gestire il nervosismo e dà un grosso contributo soprattutto in fase difensiva.

 

Finelli:

Nella prima frazione di gioco svolge il “compitino” in maniera ordinata riuscendo anche ad andare qualche volta sul fondo a crossare, nella ripresa ha più spazi e si rende più pericoloso mettendo anche a segno la seconda ed ultima rete. Spicca la sua accresciuta disciplina tattica e l’intesa con G.Dashi. Nel finale lascia il posto a di Domenico.

 

N.Dashi:

Inizialmente fatica a creare pericoli e a gestire bene i palloni a disposizione, è piuttosto nervoso con arbitro e compagni, poi comincia a giocare, con un fortunoso rimpallo favorisce la rete di G.Bernasconi, da lì in avanti ha più spazi e gioca meglio, almeno fino al momento in cui viene colpito duramente da dietro, il colpo lo costringerà ad uscire dapprima per qualche minuto, successivamente verrà cambiato per far posto ad Häusermann.

 

G.Bernasconi:

Parte giocando semplice come suo solito, di testa riesce a spizzicarle un po’ tutte lui non perdendo quasi neanche un contrasto aereo, riceve pure una gomitata in pieno volto senza reagire. Poi decide che è il momento di mettere un po’ di brio in attacco e sigla una rete capolavoro ed indirizza la partita verso la vittoria per la propria squadra prima d’essere sostituito da Manfreda.

 

Manfreda:

Prende il posto di G.Bernasconi subito dopo l’espulsione di J.Dashi andando a schierarsi nel ruolo di quest’ultimo. Fatica ad inserirsi in una gara troppo nervosa che non consente di giocare con pulizia come si vorrebbe, è autore di un velo a centrocampo che fa infuriare Bontognali, poi si concentra sulla fase d’interdizione riuscendo a fare il suo.

 

Häusermann:

Sostituisce N.Dashi e si ritrova con la squadra impegnata a difendersi mentre lui è solo in attacco, cerca di gestire come può i vari palloni che gli capitano con l’intento di far salire la squadra e di perdere qualche istante prezioso.


Formazione iniziale:

 

 

N.Dashi                        G.Bernasconi

 

 

 

Costa               J.Dashi             Torti                 Finelli

 

 

Bremen            Murru               Nicollaj             G.Dashi

 

 

 

Canalicchio